Non usiamo condividere mai, foto o video, mentre si è in divisa dagli account personali. Abbiamo fatto un eccezione, per una volontaria, che come tanti altri del nostro Comitato, ha dato tantissimo durante questa epidemia.

Questo il suo testo:

“Ieri ho sostenuto uno dei miei ultimi esami. Ho avuto 30 e mai prima d’ora ho condiviso i miei voti. Questa è un’eccezione: sono fiera del modo in cui ho saputo affrontare tutta questa situazione e non parlo del voto, quello è un di più quasi futile rispetto a ciò che i miei occhi hanno visto e ciò che le mie azioni hanno suscitato negli altri.
Ho studiato in ogni momento libero che avevo: in sede, in ambulanza, in ospedale, tra una chiamata ed un’altra e molto altro ancora.
Non pensavo di riuscire ad arrivare sana e salva alla fine dell’emergenza.
Non pensavo di riuscire a sopportare lo stress, l’ansia, le delusioni, la tristezza.
Perché molte giornate sono state tristi.
Molte giornate sono state buie.
Per tre mesi non ho mangiato con la mia famiglia, per tre mesi sono stata sfuggente a tal punto da trascurare loro, i miei amici ed anche me stessa, dedicando corpo, mente, anima alla mia città.
Ci sono stati momenti in cui ho pensato di non darlo questo esame perché le persone continuavano ad aver bisogno di noi. Come potevo studiare quando la mia mente era assediata da mille pensieri che nessuno può immaginare… Nessuno che non lo abbia vissuto assieme a noi.
Alla fine ce l’ho fatta, manca poco.
Tutto è possibile, ora tocca a te Chiara.❤️”

A tutti i nostri volontari…. Grazie!